News

Massimo Meola e Guido Onor

Vetrina sugli ex professionisti del calcio Italiano che sempre di più si appassionano al nostro sport dimostrando una volta in più, se ancora ce ne fosse bisogno, di quanto il Walking Football abbia il potenziale per essere una attività interessante e divertente sotto il punto di visto della tecnica, attraverso un contesto agonistico contenuto e soprattutto salutare per gli ultracinquantenni che lo praticano. Oltre a Domenico Volpati, Domenico Marocchino, Franco Ipsaro, Leonardo Occhipinti, Paolo Stringara, Sauro Fattori e Celeste Pin che hanno già da tempo intrapreso, chi come giocatore chi come tecnico, la pratica del Walking Football, si allarga la lista degli ex professionisti che sono coinvolti nel nostro mondo.

Massimo Meola, 68 anni, portiere che ha vestito la maglia della Roma negli anni settanta, sotto la guida del barone Nils Liedholm che lo ha fatto esordire il 25 aprile 1976 contro la Juventus, incontro in cui ha parato un rigore a Roberto Bettega e, terminata la carriera, poi allenatore tra i settori giovanili e dilettantistici di squadre piemontesi, ha ufficialmente accettato l’incarico di diventare tecnico del W.F. Biella, che guiderà a partire dal 2022.

E come non parlare di Guido Onor, oggi componente dei Devils Walkers Borgomanero, con in carriera due partite nella Juventus, 12 nella Lazio (dal 1967 al 1969) e 130 partite ufficiali in Serie B con Lazio, Monza, Livorno e Mantova. Onor ha di recente pubblicato un libro dal titolo “Senza fiato“ in cui racconta i propri passi nel mondo professionisti del cacio e, oggi, si diverte ancora a calciare il pallone sui campi di Walking Football alla sua non più verde età di 73enne.

 
 

Archivio news